La nostra filosofia

MISSIONE

TICINOCURE SA è una società che mette a disposizione dell’utenza le proprie capacità nelle cure sanitarie, allo scopo di alleviare le sofferenze di chi è affetto da varie patologie rimanendo al proprio domicilio.

In questo modo si possono mantenere le abitudini della persona malata e offrire delle cure personalizzate e di qualità.

L’obiettivo principale in caso di malattie gravi o croniche, o anche nelle varie realtà degli anziani, è di poterle affrontare a casa propria. Nel caso in cui l’utente ha il desiderio di continuare le sue cure terapeutiche a domicilio, il nostro compito è quello di intraprendere tutte le misure che permettano alla persona di recuperare il più possibile la salute, ma soprattutto le funzioni alterate o di adattarsi alle funzioni non recuperate per riprendere una vita normale e di buona qualità fra le mura domestiche.

L’intento del Team di TICINOCURE SA è di lavorare insieme mettendoci in gioco, aperti al dialogo e non dare nulla per scontato.

Conoscere le competenze e il ruolo di ogni figura professionale è indispensabile e fondamentale, così come il rispetto reciproco tra l’utente e il Team.

La persona malata è portatrice di diritti umani universalmente riconosciuti che devono essere rispettati, l’infermiere il tramite.

Oggi il processo di Nursing non può basarsi solamente sulla conoscenza e la tecnica.

La parola chiave per l’infermiere è umanizzazione: tutto deve ruotare intorno alla persona e ai suoi bisogni, nel rispetto della propria dignità e della propria autodeterminazione.

In poche parole, il nostro motto è: «Assistere e curare nello stesso modo in cui vorremmo essere curati noi»

FILOSOFIA

La nostra filosofia di Cure si basa sulla realizzazione di un’assistenza che riconosce la professionalità dell’infermiere all’interno di un ambiente complesso come quello sanitario. In definitiva è un nuovo modo di lavorare finalizzato sull’efficacia e sull’efficienza del servizio nel rispetto dei bisogni e dei diritti della persona.

Attraverso l’Assistenza Primaria (Primary Nursing) l’infermiere assume la responsabilità individuale, in modo continuativo ed autonomo per ogni paziente decidendone l’assistenza. L’aspetto fondamentale di questo metodo è la “visibilità” che l’infermiere ha sia verso il paziente sia verso il gruppo interdisciplinare.

In questo modo si intende dare la possibilità al professionista di realizzarsi come tale, anche in considerazione della competenza che, in Svizzera, gli è attribuita per legge.

L’implementazione del Primary Nursing è tutt’altro che semplice e implica molti cambiamenti all’interno dei diversi ruoli dei vari rapporti di lavoro.

Innanzitutto richiede più comunicazione, inoltre è essenziale che si stabilisca una relazione personalizzata, cioè più individualizzata tra Infermiere e paziente, il quale deve sapere che vi è un unico operatore responsabile dell’assistenza che gli viene prestata.

Il Primary Nursing viene inteso come un modello olistico che comprende strategie, procedure, relazioni, comportamenti, attitudini e competenze che non è solo un sistema di prestazioni di assistenza infermieristica, ma è anche una fonte di nuove opportunità per raggiungere i comportamenti necessari per gestire questi problemi. Il Primary Nursing significa rendere concreto il concetto di Cure basato sulla persona, mettendo a disposizione un ambiente che permetta agli infermieri di acquisire un senso di parità con le altre figure professionali sanitarie che vi operano.

Così come il medico mantiene la responsabilità nonostante i molteplici pazienti o il suo giorno libero, l’infermiere deve assicurare un’assistenza, attraverso la propria responsabilità, per ogni paziente assegnato. Una volta che tali responsabilità sono “proprietà”, l’infermiere decide di assistere e comunicare nei modi che ritiene più appropriati in piena autonomia decisionale.

L’Infermiere primario assume personalmente la responsabilità delle scelte: in collaborazione con il paziente ed i suoi familiari pianifica ed eroga le cure necessarie per il raggiungimento degli obiettivi prefissati. L’autonomia che è attribuita all’infermiere referente comporta la sua capacità di scegliere le informazioni necessarie trasmesse alle atre figure professionali.

È l’Infermiere referente che individua quali informazioni si devono trasmettere alle altre figure professionali coinvolte nel processo assistenziale – informazioni definite dai bisogni attuali del paziente e non predefinite (da protocolli o regolamenti) – mentre deve essere assicurato il processo inverso, cioè la trasmissione dei dati relativi al paziente da parte dell’equipe multi-disciplinare e dei colleghi infermieri, attraverso le consegne.